giovedì 10 marzo 2016

Tag: Primavera tra le pagine



Buongiorno!
Manca poco all'inizio ufficiale della primavera e nonostante l'inverno quest'anno non sia stato affatto gelido e cupo come di consueto, non vedo l'ora di fiori, sole, caldo e uccellini! :)

Quindi, ecco un tag che esprime tutta la mia voglia di primavera e fiori petalosi:

1. Il generale Inverno sta per andarsene: quale libro di quest'inverno ti è rimasto impresso?

Ho iniziato il 2016 rileggendo Wuthering Heights (Cime tempestose) di Emily Brontë, che in seconda lettura, e a distanza di alcuni anni, ho apprezzato molto di più! Il freddo e l'umidità di Treshold Grange valicavano le porte del libro e io mi sono protetta  con coperta, termosifone e litri di tisane calde! Ora sono molto curiosa di leggere Nelly Dean - A return to Wuthering Heights di Alison Case, incentrato sull'unico personaggio del romanzo con il quale mi sono sentita davvero in sintonia.



















2. Inizia la stagione dei vestiti a cipolla e del foulardino in borsetta: quale libro ti sei portato/a dietro per praticità?


Tendo sempre ad avere un libro in borsa, per le tratte di autobus, di treno, le attese e code. Non si sa mai! Faccio in modo che si tratti di un libro piccolino e leggero, ma ho portato anche dei tomi più pesanti... Ultimamente avevo in borsa Le notti bianche di Fyodor Dostoyevsky, interessante storia di passioni giovanili e promesse sussurrate in piena notte...



3. Rose, viole e lillà: un libro dalla copertina fiorita



Non leggo quasi mai libri con copertine a tema fiori, ma qualche eccezione si trova sempre: Glitches di Marissa Meyer. Una delle novelle del ciclo delle Cronache lunari, che sono uscite in ebook ed ora in'un unica edizione cartacea. La saga è una simpatica riscrittura in chiave fantascientifica di alcune fiabe classiche e questa novella è incentrata su Cinder, la cyborg-Cenerentola di questa storia. 
La città dei fiori di Mary Hoffman è il secondo volume della saga Stravaganza, fantasy per ragazzi ambientato in un'Italia rinascimentale parallela (e diversa) dal nostro mondo e di alcuni ragazzi del nostro mondo che la raggiungono con l'ausilio di un'oggetto magico. 
E infine Cronaca di una morte annunciata di Gabriel Garcìa Marquez, novella che segue la triste vicenda di un delitto al quale nessuno si oppone, dal forte respiro cristiano.

4. La rinascita della natura: Un libro che parla di natura e piante



L'anno scorso ho letto il bizzarro ma interessante romando di Alessandro Fullin (geniale maestra di 'tuscolano' in TV) dal titolo Panico botanico. Ambientato in una villa vittoriana con un'enorme giardino botanico,il romanzo segue le assurde vicende di due amiche con una comune passione per il verde e un rampicante fuori controllo. 


5. Etciù: A quale tema, tropo o espediente letterario sei allergico/a?

Non sopporto assolutamente i rapporti di coppia impari (anche nella vita vera), soprattutto quando vengono presentati come positivi o addirittura come modelli di riferimento. Uno dei motivi per cui non mi sono ancora avvicinata a Nabokov...
E mi annoiano abbastanza i romanzi epistolari o in forma diaristica. Preferisco di norma una narrazione in terza persona e la prima persona solo in pochi casi.



6. Pioggia a catinelle: un libro che ti ha fatto piangere.

L'ultimo romanzo storico che ho letto: the Nightingale di Kristin Hannah (qui la recensione). Le lacrime erano inevitabili...

7. Pesce d'aprile! Un libro che ti ha colto di sorpresa o ti ha dato una bella fregatura!

Qua posso citare il già recensito Branchie di Niccolò Ammaniti (e parliamo pure di pesci...), dal quale mi aspettavo tutt'altro e che invece mi ha soltanto delusa e disgustata...

8. 21. Marzo: ci siamo! Cosa non vedi l'ora di leggere questa primavera?

Non faccio mai dei piani di lettura precisi, ma penso che andrò avanti con la serie della Torre Nera di Stephen King (sono a metà del secondo libro) e ho voglia di prendere in mano In altre parole di Jhumpa Lahiri, saggio sulla scrittura e sulla sua passione per la nostra lingua.

















9. Gita fuori porta: in quale libro ti piacerebbe fare una bella gita?

Forse tra i pomi fioriti dell'isola di Avalon, nella serie di Marion Zimmer Bradley o in qualunque romanzo ambientato in Giappone durante la fioritura dei fiori di ciliegio! In un romanzo di Kawabata magari, o Natsume Soseki...



10. tag time! Tocca a voi:

e chiunque abbia voglia di mettere via il cappotto!



9 commenti:

  1. Uhh, me lo salvo subito e lo farò!
    Giusto cercavo un nuovo tag da fare!!
    ps.: non so come iscrivermi e volevo farlo D: non hai il form per le iscrizioni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Perfetto, sono curiosa! :)
      Si hai ragione, mancava il link all'iscrizione... sono una frana con queste cose :/

      Elimina
  2. Ciao Gio! Grazie per il tag, spero di farlo quanto prima, anche se ultimamente ho tipo tremilacosa da fare XD Adoro la cover di Nelly Dean, e La Torre Nera di King prima o poi la comincerò anche io, giuro! :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa! Si, quella cover è proprio bellissima!!
      Per la torre Nera, non farti abbattere dal primo volume, è un po' strano e molto confuso, ma il secondo è già molto meglio ;)

      Elimina
  3. Ciao Gio, grazie mille per il tag! Molto carino, appena ho un attimo lo faccio ^^ Ma lo sai che Panico botanico mi incuriosisce davvero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Si, è molto particolare! :)

      Elimina
  4. Ciao sono una tua follower e book blogger, ti invito da me per un giochino semplice e cartacei premio, passa se ti va.
    http://ilcuoreinunlibro.blogspot.it/2016/03/vecchio-amico-3-libri-senza-tempo_4.html

    RispondiElimina
  5. Ciao sono una tua follower e book blogger, ti invito da me per un giochino semplice e cartacei premio, passa se ti va.
    http://ilcuoreinunlibro.blogspot.it/2016/03/vecchio-amico-3-libri-senza-tempo_4.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Passerò di certo, grazie :)

      Elimina